Poltrone Sofà: NON c’è limite al peggio

di Andrea Pinna

La gatta frettolosa fa i Marketer stupidi.

Poltrone&Sofà lancia la sua campagna sfruttando la leva populista, convinta che, siccome in politica attrae consenso, la mossa funzioni anche nel marketing per le grandi imprese.

Immagino il team responsabile della comunicazione di questo brand, che si riunisce per formare la campagna:

– che facciamo?
– dai usiamo la tecnica grillina…alla fine pur sempre di poltrone che si tratta, no???

E giù a ridere paonazzi per ore…

Bene, il focus della campagna è deciso. Attaccheranno il nuovo governo insediato, dicendo alle persone ciò che si vogliono sentir dire.
Alla fine è giusto, otterranno risultati strepitosi in cose come:

– viralità

– interazione con i post

– stima da parte dei rivoluzionari da tastiera

– rispetto da chi considererà coraggoso il team di questo Brand.

Ovviamente il Team addetto alla comunicazione, verrà fuori come la banda degli intoccabili che arrestò Al Capone.

Tutto veramente fantastico. Dico sul serio.

Chiederei di fare un gemellaggio fra questo Team e il nostro di Rialzo Impresa…

Se non ci fosse un piccolissimo dettaglio:

— Questa campagna è totalmente improvvisata e NON HA NIENTE A CHE VEDERE CON POLTRONE&SOFÀ.—

Innanzitutto vi è la maledetta mania di NON pensare alla vendita. Puntano ai “mi piace” perché convinti che siano un segnale affidabile sul piano commerciale.

{{{ Anche i sassi ormai sanno che NON c’è correlazione fra il numero di like e la conversione in clienti }}}

Ma sapete com’è…il Team era troppo eccitato all’idea di lanciare la campagna…

E poi non bisogna metterli in croce per il fatto che non sanno queste cose…alla fine è solo il loro lavoro.

Quindi ci troviamo con questa serie di post, nei quali mettono “al posto loro” i nostri politici, che non si vogliono schiodare dalla poltrona…

Poi vabbè, del 40% di italiani che sono contro questo tipo di messaggio, chissenefrega, giusto?

Il team è convinto di prendersi dalla loro, il 60℅ dei voti del referendum.

Capita la genialata?

Non sono più quelli delle “poltrone fatte a mano” o “gli artigiani della qualità”, ora sono i Grillini che ti arredano il salotto.

Non voglio parlare dei nostri amici con le camice a quadri e tazza di caffè, che hanno avuto vere e proprie erezioni nel vedere questa idiozia. (Andrà a finire che mi faranno qualche attentato).

No, voglio concentrarmi su un concetto ben più pericoloso:

Ovvero quelli degli imprenditori che DISTRUGGONO il lavoro di decenni, in pochi secondi, per dare libero sfogo al loro EGOISMO.

Sì, solo degli egocentrici egoisti, possono pensare di devastare le percezioni dei loro clienti sui loro prodotti, per cavalcare spiritosaggini progettate per attrarre consenso social, a discapito del giro d’affari.

Ovviamente a tutto c’è rimedio.

Nella mia testa, il rimedio sarebbe quello di mettere i sigilli alla Poltrone&Sofà, e far passare tutti i suoi dipendenti con un’azienda che abbia rispetto per la comunicazione e il mantenimento delle quote di mercato.

Ma vabè, noi di Rialzo Impresa siamo i noiosi ed esagerati…